Dove mangiare a Firenze? I migliori ristoranti della culla del Rinascimento

Dove mangiare a Firenze? I migliori ristoranti della culla del Rinascimento

Acqua al 2

L’Acqua al 2 ha una storia che inizia nel 1978.. Famoso per la sua formula di assaggi di primi piatti, si può scegliere tra 5 diversi tipi di pasta, tutti rigorosamente senza carne. Oggi il menu comprende anche gli assaggi di secondi, oltre naturalmente ai piatti alla carta della cucina
tradizionala. Si mangia comodamente seduti su divanetti tra luci soffuse a candele, ma il locale conserva un arredamento da trattoria rustica con tavoli e anche sedute in legno. Il nome nasce dall’indirizzo originario.

Alle murate

Il ristorante Alle Murate si trova all’interno del Palazzo dell’Arte dei Giudici e Notai, un museo prezioso per la quantità delle pitture che decorano volte e lunette. La cucina è tradizionale, ma contemporanea nell’elaborazione. Lo chef fa una puntigliosa ricerca degli ingredienti per preparazioni con nuovi sapori. La carta dei vini è una collezione continuamente aggiornata di grandi etichette italiane.

Baccarossa

Baccarossa è un punto d’incontro caldo e accogliente nel cuore del centro storico di Firenze, per appassionati di buona cucina. I toni caldi di legno antico negli arredi rendono l’atmosfera di questo locale molto intima. Lo chef Amerigo Capria dedica grande attenzione agli accostamenti, il tutto in u’alchimia di cucina mediterranea: fragranza di sapori e semplicità.

Boccanegra

Il Boccanegra comprende tre ambienti: il ristorante, che propone una cucina creativa con prodotti di stagione, l’Osteria, con menu toscano e la Cantinetta che propone solo focaccia e pizza. La cura al dettaglio è minuziosa: le luci sono calde e d’atmosfera e la mobilia d’epoca completa lo stile rustico del ristorante. Il menù include sia pesce che carne, ed i piatti sono estremamente curati nella decorazione e nella presentazione. Si consiglia di provare sia i vini che i distillati della cantina.

Borgo San Jacopo

La famiglia dell’alta moda Ferragamo, è proprietaria del ristorante Borgo San Jacopo, situato all’interno del loro Hotel Lungarno. L’ambiente è raffinato, e non poteva essere altrimenti per chi è leader nel settore del lusso. La sala affacciata sull’Arno ha colori contrastanti inoltre ci sono un soppalco, una grande vetrata sul fiume con vista su Ponte Vecchio e alcuni tavolini sulla terrazza, pare sempre prenotati. La cucina rivisita piatti della tradizione italiana innovandoli con spunti creativi.

Cantinetta Antinori

Il ristorante Cantinetta Antinori si ispira ad un’antica tradizione fiorentina: i proprietari delle più famose fattorie nei dintorni di Firenze vendevano vino e prodotti della campagna nelle cantine dei loro palazzi in città. Di solito lo scambio avveniva attraverso piccole aperture, le
“porticciole” , che davano sulla strada ad altezza uomo. La Cantinetta è un ristorante winebar dove è possibile degustare i vini delle tenute Antinori, anche in abbinamento a piatti della tradizione toscana.

Ristorante Celestino

In un antico monastero, nasce nel 1872 il Ristorante Celestino. In precedenza era una fiaschetteria, oggi il Ristorante Celestino è un ambiente piacevole e rilassante, ormai punto storico della città. Il delizioso piccolo giardino nella storica piazzetta permette di degustare i deliziosi piatti  all’aperto. Il fiore all’occhiello da Celestino è la pasta fresca fatta in casa, ottimi risotti, la ribollita e la bistecca di carne Chianina. Queste prelibatezze gastronomiche si accompagnano a vini di prestigio per lo più toscani.

Ristorante al cenacolo del pescatore

Le cene al Cenacolo del Pescatore sono un’esperienza eccezionale grazie all’alta cucina e all’ambiente affascinante e impeccabile. Il Ristorante propone da una parte la rivisitazione di piatti tipici della Cucina Mediterranea riproposti in chiave contemporanea, dall’altra ricette creative originali, che creano nuovi accostamenti di sapore, pur mantenendo ingredienti tipici del territorio.

Circo-lo Teatro del Sale

Fondato nel 2003 da Maria Cassi e Fabio Picchi, chef e proprietario del Cibreo dal 1979, il Circo-lo Teatro del Sale è un’associazione culturale e un circolo privato. Ambiente adatto al riposo, alla cultura, alla lettura, alla conversazione, al teatro, e inoltre, ristorante e negozio di alimentari . La cucina propone buffet con piatti di tradizione antica, facenti parte della tradizione di casa e di famiglia. Dopo la cena, lo spazio viene adibito a teatro.

Dei Frescobaldi

Nel maggio del 2002, apre Dei Frescobaldi Ristorante & Wine Bar, in pieno centro storico, con l’obiettivo di creare un forte connubio tra vino di qualità e gastronomia. Il ristorante ha 80 coperti e propone piatti tipici della tradizione toscana. Il wine bar, chiamato Frescobaldino, è raffinato ed essenziale. Particolarmente adatto per degustare i vini al bicchiere. La carta dei vini annovera circa 70 etichette, con un’ampia offerta di vini al bicchiere.

Galanti

Nel 1960 Aldo e Tosca Galanti aprono lo storico locale in piazza della Libertà, nel centro di Firenze. Ispirata alla cucina tradizionale contadina, Galanti è sinonimo di alta gastronomia . Oggi ricette creative innovative e rivisitazioni di piatti di antica memoria come minestre, risotti, ribollite, galantine di pollo, baccalà e peposo sono tra le specialità da non perdere nella vasta scelta di ogni giorno, da consumare all’interno del locale, nello spazio esterno sotto i portici o da portare via. La selezione degli ingredienti è di prima qualità. Un’accurata selezione di vini, formaggi ed altre specialità arricchisce l’offerta di Galanti e ispira prelibati e graditissimi cesti regalo realizzati su ordinazione.